Antincendio

NEWS:

SINTESI:

L’iter tecnico amministrativo previsto dal DPR 37/98 prevede:
• individuazione delle attività soggette a CPI sulla base degli elenchi di cui al DPR 689/59 e al DM 16/2/82;
• elaborazione di un progetto di prevenzione incendi con esame da parte del Comando dei VVFF;
• raccolta della documentazione atta ad attestare la corretta esecuzione dei lavori da allegare alla richiesta di CPI;
• Dichiarazione di Inizio Attività (DIA) da parte del titolare della attività;
• rinnovo periodico del CPI sulla base di perizia giurata redatta dal professionista.
Il titolare della attività deve essere affiancato da un professionista abilitato iscritto negli elenchi ministeriali

Rischio Esplosione

Al fine di poter aggiornare il documento di valutazione dei rischi aziendali ai sensi del D.Lgs. 233/03, è necessario procedere alla classificazione dei luoghi con pericolo di esplosione per presenza di polveri, gas, vapori e nebbie potenzialmente esplosive, anche alla luce delle indicazioni della norma CEI EN 60079-10 (CEI 31-30).

Anche il costruttore di apparati e sistemi destinati ad ambienti potenzialmente a rischio esplosione, necessita di un supporto progettuale specialistico.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: