La Bio-Edilizia

La bio-edilizia

La bio-edilizia è un metodo di costruzione che mira ad impiegare materiali eco-compatibili, valutandone la loro ecologicità, affinché gli stessi non pregiudichino la salute fisica e mentale dell’uomo: esalazioni nocive, vibrazioni e rumori, superfici pericolose.

Partendo dalla materia prima impiegata per il prodotto (non finibile ma rinnovabile), si valuta il suo ciclo di produzione (senza o bassissime emissioni inquinanti ed economicità energetica), si analizza la fase in cui il prodotte svolge la sua funzione (assenza di esalazioni nocive) e lo si considera fino a fine ciclo ovvero al suo riutilizzo o riciclo; l’intero processo deve avvenire senza essere di pericolo per l’uomo e l’ambiente e deve essere tale da non pregiudicare la possibilità ad altri, presenti e futuri, di poter realizzare lo stesso ciclo.

La Bioedilizia si potrebbe intendere come la scelta oculata di soluzioni e materiali sani, pensando anche ai nostri figli; ciò che consumiamo noi, non deve pregiudicare la vita dei nostri successori: dobbiamo evitare di usare l’ambiente in cui viviamo in maniera speculativa tale da compromettere la possibilità per i nostri figli di vivere almeno allo stesso modo nostro.

La bio-climatica

La bio-climatica considera la costruzione come un qualcosa che deve interagire con l’ambiente circostante; forma, orientamento e consistenza di una costruzione influenzano gli effetti che esso è in grado di offrire alla costruzione stessa. Sole, aria, acqua, terra, sono fonti energetiche inesauribili e gratuite.
Benché la progettazione debba avvalersi di esperienze globali, il risultato deve essere strettamente regionalista, in quanto ogni ambiente geografico è diverso e distinto: pertanto un edifico deve rispondere a esigenze climatiche precise e ineluttabili.

La bio-architettura
La bio-architettura è una disciplina che si occupa dell’ elaborazione artistica degli elementi strutturali, funzionali ed estetici di una costruzione, secondo regole di bio-edilizia, che rispettano l’ ambiente, la natura e la SALUTE dell’ essere umano.

Feng-Shui

Il Feng Shui è la tradizionale arte cinese di sistemare lo spazio in armonia con le forze del cosmo; una scienza cinese che risponde alle leggi della fisica e della dinamica, termodinamica ed elettromagnetismo; è anche una forma d’arte perché è espressione di canoni estetici basati sulle fondamentali regole di proporzione e di equilibrio; è filosofia di vita perché è un modo di pensare il proprio rapporto con tutto ciò che ricirconda; ed è religione per il modo di intendere la relazione sacra che lega l’uomo a questo pianeta.
Il termine Feng Shui (si pronuncia fong schuei), racchiude i due elementi essenziali per la vita su questo pianeta: feng (vento ovvero l’aria che respiriamo) e shui (l’acqua), esso affonda le sue radici nell’antica tradizione culturale cinese: sul Taoismo: la teoria dello Yin e dello Yang e la teoria dei cinque elementi.
In un certo senso potremmo dire che il feng shui è la bioarchitettura orientale, in fatti l’obiettivo del Feng Shui, come per la bioarchitettura, è il benessere dell’uomo nel suo habitat naturale e in quello costruito.

consigli
muratura: invece del blocco in laterizio porizzato con palline di polistirolo, potete chiedere il blocco in laterizio porizzato con farina di legno (per lo più scarti di falegnameria), optare inoltre per una muratura di grosso spessore massiccia (grezzo min. cm 38). Ricordate che ai fini del conteggio urbanistico della cubatura la normativa vi consente di computarne solo 30 cm.

isolamenti: invece di pannelli isolanti in polistirene, polistirolo, poliuretano, ecc. potete chiedere dei pannelli in fibre di legno pressati.

sottofondi: invece di sottofondi alleggeriti con polistirolo meglio in cemento alveolare additivato, o piuttosto sottofondi a secco, in sughero, perlite o fibra di legno.

impermeabilizzanti: niente guaine bituminose, meglio guaine in tessuto non tessuto magari se prodotte attraverso il riciclaggio di materie plastiche o se il caso guaine cementizie.

copertura: almeno 8 cm lo spessore dell’ isolamento.
Il tetto ventilato funziona e mantiene asciutto, quindi più efficiente, l’isolamento.
Attenzione, i coppi devono essere appoggiati su un listello delle dimensioni cm 3×3 (normativa UNI) e non vanno fissati con la malta.

intonaci: le malte devono essere del tipo tradizionale in calce, sia interne che esterne. Non devono contenere cemento, esso ne ostacola la traspirabilità.

Potremmo dire che la Bio-architettura è lo strumento di applicazione della bio-edilzia e della bio-climatica.

  1. Al momento, non c'è nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: